mercoledì 8 giugno 2011

Domenica 12 giugno: come quindici anni fa.

Compirono tutti diciotto anni  nel 1996, tranne me, ma fu in quell'anno che inaugurammo il nostro giro collettivo. C'era la pasionaria, con gli occhiali enormi e il viso perennemente affondato in un giornale più grande di lei; c'era il cinico che già non voleva credere più alla politica e sognava di viaggiare col suo cinquantino in giro per il mondo "per non dare più il resto a nessuno"; c'era il fotografo che, passo dopo passo, immortalò il gruppetto in pose da elettori modello, con un autoscatto destinato a tagliare teste; c'era la nottambula che a diciott'anni aveva pensieri pesanti che non la facevano dormire e la testa tra le nuvole. E poi  l'anno dopo, ci sarei stata anche io che mi sarei sentita investita, ogni volta, da un compito difficile e dal mal di pancia,  con un tremolio leggero nelle gambe misto all'ebbrezza sottile di poter decidere per me.
Appuntamento fisso per anni, davanti al bar di Sergio. Colazione e poi via per il nostro momento, il nostro gioco da grandi, ma di quei giochi  in cui ti porti sulle spalle tutto il peso del mondo, e non solo del tuo.
Erano tre le scuole in cui dovevamo votare. A turno aspettavamo fuori dal seggio il protagonista di quel momento e, all'uscita,  ci si diceva tutto, senza parlare,  con lo sguardo, convinti che  nessuno di noi avrebbe tradito i discorsi e gli ideali espressi fuori da quelle scatole troppo strette.

Dall'ultima volta che ci siamo incontrati tutti e cinque per andare a votare, sono passati otto anni. Abbiamo cambiato, vita, case e qualcuno di noi anche quartiere. Un breve giro di telefonate come chi non ha bisogno di troppe parole per intendersi e domenica 12 giugno, il fotografo ci porterà con la sua una macchina dove staremo stretti stretti, a fare il giro dei nostri seggi che non sono più quelli di tanti anni fa.
Io metterò quattro crocette sui sì e in questi giorni cercherò di tenere a bada il mal di stomaco che mi ha sorpreso con qualche giorno di anticipo...un po' per l'incertezza del dopo, un po' perchè non riesco a trattenere l'emozione di esercitare uno dei pochi diritti che mi rimane e di farlo nuovamente  insieme a loro.
Buon referendum a tutti.

13 commenti:

  1. Che bella quest'immagine del voto come occasione per riunire un gruppo. :)

    RispondiElimina
  2. Beh, i motivi per andare a votare sono già tanti, ma tu ne hai uno in più, forse il più importante!

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il tuo regalarci un pezzo della tua vita.. In questo momento mi sento anch'io parte di un gruppetto, molto ampio a dire il vero...fatto di Italiani..con la I maiuscola.. Uniti, per una volta...
    Finalmente non sento discussioni tra destra e sinistra, su temi così importanti cade la tensione politica..
    Che sia un nuovo inizio, speriamo...

    RispondiElimina
  4. Eh, da vecchia babbiona qual sono, ormai il mal di pancia è stato seppellito sotto smorfie di cinismo. Ma! il sacrosanto diritto e la cabina scalcinata non mi abbandonano da 24 anni a questa parte! E buon sì a tutti!

    RispondiElimina
  5. io cinicamente ho smesso di votare già da qualche anno (anche per il sindaco ...). Quest'anno però ci vado, è da quando sono piccolo che vorrei una centrale nucleare e finalmente posso dire la mia!

    RispondiElimina
  6. già buon Si a tutti!
    grazie

    RispondiElimina
  7. Grande entusiasmo, piccola,
    mi ricordi me giovine blogger
    bravissima
    http://pornodidattica.splinder.com/post/20788224/proclama-pro-referendum

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Bentrovata!
    Mi è piaciuta molto questa pagina... :)
    Brava!
    E SI al referendum!

    A presto,
    Simona

    RispondiElimina
  10. Ma quest'immagine è di una bellezza struggente!
    Buon voto, e buon amarcord :)

    RispondiElimina
  11. Ai quei tempi sognavo ad occhi aperti, ora sogno solo quando vado a dormire.
    C'è una bella differenza.

    RispondiElimina
  12. @Ladybug e II Binario: grazie ragassuole.
    @Fracatz: quanto sei bello! ti posso adottare come nonno? M'hai fatto morì!!!
    @Arte: condivido la tua speranza.
    @Ernest: grazie ragazzo.
    @Kermit: sbuahahahah
    @Charlie: vecchia babbiona??? Ma perchè, quanti anni hai? I miei conti non tornano! Comunque, si, si, si, votiamo, fino a quando la cabina non ci cade in testa!
    @Alamuna: benvenuta donna e grazie.
    @Nespola: ammazza, grazie veramente!
    @anonimobanano: dai in finale stai andando solo verso i quaranta, non verso i novanta. Anche gli spazi ristretti vanno bene per i sogni.

    RispondiElimina
  13. Un SI che vi unirà ancora di più.
    Che bella giornata ti aspetta.... ;)

    RispondiElimina

Larga la foglia, stretta la via, dite la vostra che io ho detto la mia...